concorsi in atto

Guardia di Finanza G.U. n. 20 del 11/03/2016

605 Allievi Marescialli

88° corso presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti, per l’anno accademico 2016/2017

  • Titolo di studio richiesto: Diploma di Scuola Superiore
  • Termine presentazione domanda: 11/04/2016
  • Data e sede esami:

    Il calendario e le modalità di svolgimento della suddetta prova saranno resi noti, a partire dal 15 aprile 2016, mediante avviso pubblicato sul sito internet www.gdf.gov.it e presso l’Ufficio Centrale Relazioni con il Pubblico della Guardia di finanza, viale XXI aprile, n. 55, Roma (numero verde: 800669666). 

    Con il medesimo avviso saranno, altresì, rese note eventuali variazioni del periodo e della sede di svolgimento della prova preliminare.

    I candidati sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova preliminare presso la Scuola Ispettori e Sovrintendenti, via Fiamme Gialle n. 20, 67100 L’Aquila (loc. Coppito), che si svolgerà a partire dal 26 aprile 2016.

Posti a concorso:

a) n. 545 allievi marescialli del contingente ordinario;

b) n. 60 allievi marescialli del contingente di mare, così suddivisi:
1) n. 40 per la specializzazione “nocchiere abilitato al comando” (NAC);
2) n. 20 per la specializzazione “tecnico di macchine” (TDM).

a) prova preliminare, consistente in questionari a risposta multipla; 
b) prova scritta di composizione italiana; 
c) accertamento dell’idoneità attitudinale; 
d) accertamento dell’idoneità psico-fisica; 
e) prova orale di cultura generale; 
f) esame facoltativo in una o più lingue estere, consistente in una prova scritta e una prova orale per ciascuna lingua prescelta; 
g) prova facoltativa di informatica. 

Prova preliminare

La prova preliminare consiste in domande dirette ad accertare le abilità linguistiche, ortogrammaticali e sintattiche della lingua italiana.

Prova scritta

La prova scritta, della durata di sei ore, consiste nello svolgimento di una prova di composizione italiana unica per tutti i candidati.

Accertamento dell’idoneità attitudinale

L’accertamento dell’idoneità attitudinale è finalizzato a riscontrare il possesso del profilo attitudinale richiesto per il ruolo ambito.
Detto accertamento si articola in:
a) uno o più test attitudinali, per valutare le capacità di ragionamento;
b) uno o più test di personalità per acquisire elementi circa il carattere, le inclinazioni e la struttura personologica del candidato;
c) uno o più questionari biografici e/o motivazionali, per valutare le esperienze di vita passata e presente nonché l’inclinazione a intraprendere lo specifico percorso;
d) un colloquio attitudinale, a cura di ufficiali periti selettori, per un esame diretto dei candidati, alla luce delle risultanze dei predetti test e questionari;
e) un eventuale secondo colloquio, a cura di uno psicologo.