concorsi in atto

Ministero della Giustizia G.U. n. 78 del 13/10/2017

197 posti di allievo agente del Corpo di polizia penitenziaria maschile e femminile

-

  • Titolo di studio richiesto: Diploma di Scuola Superiore
  • Termine presentazione domanda: 12/11/2017
  • Data e sede esami:

    Il calendario sarà pubblicato sul sito ufficiale del Ministero della Giustizia www.giustizia.it il 23 gennaio 2018, ovvero in altra data ivi fissata.

Posti a concorso:

E’ indetto un concorso pubblico, per esami, per il reclutamento di complessivi n. 197 posti (n. 147 uomini; 50 donne) di allievo agente del Corpo di polizia penitenziaria.
Numero 2 posti (uno maschile ed uno femminile) degli allievi agenti sono riservati, subordinatamente al possesso degli altri requisiti, a coloro che sono in possesso dell’attestato di bilinguismo (lingua italiana e tedesca) previsto dall’art. 4 del D.P.R. 26 luglio 1976, n. 752 e successive modifiche, per l’assegnazione agli istituti penitenziari della provincia di Bolzano. Nella domanda i concorrenti dovranno obbligatoriamente precisare in quale lingua (italiano o tedesco) intendano sostenere la prova concorsuale. I posti riservati, qualora non coperti, saranno devoluti agli altri concorrenti in ordine di graduatoria.

Prova d’esame

L’esame consiste in una prova scritta, vertente su una serie di domande a risposta sintetica o a scelta multipla, relative ad argomenti di cultura generale e a materie oggetto dei programmi della scuola dell’obbligo.
Ai fini della predisposizione delle domande a risposta a scelta multipla, l’Amministrazione è autorizzata ad avvalersi della consulenza di enti pubblici o di privati specializzati nel settore.
La durata della prova è stabilita dalla Commissione all’atto della predisposizione delle serie di domande da somministrare.
La prova si intende superata dai candidati che abbiano riportato la votazione di almeno sei decimi.
Durante la prova d’esame, è fatto divieto ai candidati di comunicare tra loro verbalmente o per iscritto, ovvero di mettersi in relazione con altri salvo che con gli incaricati della vigilanza o con i componenti della Commissione esaminatrice.
Nel corso della prova è vietato ai candidati di portare seco carta da scrivere, appunti, libri, opuscoli di qualsiasi genere, calcolatrici e apparecchi che consentano di comunicare tra di loro e con l’esterno.